Perché il calcolo mentale può trasformare l’apprendimento scolastico?

Scopri come il corso 'Giochiamo con il calcolo mentale' può aiutare gli studenti con disturbi dell'apprendimento a migliorare le loro abilità matematiche e la loro fiducia.

Share your love

  • Il corso 'Giochiamo con il calcolo mentale' inizia il 26 giugno e include due incontri di due ore ciascuno.
  • Rivolto particolarmente agli alunni con disturbi dell'apprendimento (PEI), il corso enfatizza la piena inclusione e il rispetto della diversità.
  • Il calcolo mentale migliora la memoria, il pensiero logico e la capacità di risolvere problemi complessi, favorendo un apprendimento divertente e stimolante.

Il calcolo mentale a scuola rappresenta l’abilità di eseguire operazioni aritmetiche nella mente senza l’ausilio di strumenti esterni come calcolatrici o carta e penna. Questa competenza non solo sviluppa le fondamentali abilità matematiche, ma migliora anche la memoria e promuove un pensiero logico e veloce. È una componente essenziale dell’educazione matematica, poiché aiuta gli studenti a comprendere i concetti numerici e a risolvere problemi in modo efficiente.

Il corso “Giochiamo con il calcolo mentale”

Il corso “Giochiamo con il calcolo mentale”, curato da Loto Montina, è in programma dal 26 giugno e si sviluppa in due incontri di due ore ciascuno, con un approccio sia teorico che pratico. Questo percorso è particolarmente rivolto agli alunni con disturbi dell’apprendimento (PEI) e evidenzia strategie volte alla piena inclusione e al rispetto della diversità. L’attenzione degli insegnanti è focalizzata sui bisogni profondi del bambino, sul concetto di fluenza e sulla gestione dell’insuccesso e della frustrazione. Rendere divertente l’allenamento al calcolo mentale incrementa le possibilità di risposta degli alunni in classe, migliorando la loro capacità di prestare attenzione e di cogliere la complessità delle situazioni problematiche.

La Tecnica della Scuola: un supporto per docenti e dirigenti

La Tecnica della Scuola organizza numerosi corsi di preparazione ai concorsi, come il corso di preparazione al concorso per dirigenti scolastici (Ds) di 30 ore suddiviso in 8 moduli. Questo corso affronta tutti gli argomenti del programma dell’esame ed è destinato a docenti, aspiranti dirigenti e dirigenti in servizio. Inoltre, offre percorsi in e-learning e certificazioni per le scuole, come la certificazione di alfabetizzazione digitale EIPASS Standard.

Il ruolo del calcolo mentale nella formazione degli studenti

Applicare il calcolo mentale e la fluenza matematica in classe favorisce lo sviluppo del pensiero critico, migliora la velocità e l’accuratezza dei calcoli e rende gli studenti più sicuri e competenti nell’affrontare problemi complessi. L’attenzione degli insegnanti deve essere rivolta a consolidare la fluenza nel calcolo mentale attraverso attività ludico-didattiche, che rendano l’apprendimento divertente e stimolante. Questo approccio non solo migliora le competenze matematiche degli studenti, ma li aiuta anche a gestire meglio l’insuccesso e la frustrazione, promuovendo un ambiente di apprendimento inclusivo e rispettoso della diversità.

I nostri consigli

Per i partecipanti occasionali interessati a migliorare le proprie competenze matematiche, consigliamo di partecipare al webinar “Giochiamo con il calcolo mentale” in programma dal 26 giugno. Questo corso offre un’opportunità unica per apprendere nuove strategie didattiche e migliorare le proprie abilità nel calcolo mentale.

Per gli appassionati e i professionisti del settore educativo, suggeriamo di esplorare i numerosi corsi offerti da La Tecnica della Scuola, come il corso di preparazione al concorso per dirigenti scolastici. Questi corsi non solo forniscono una preparazione approfondita per gli esami, ma offrono anche certificazioni riconosciute a livello nazionale.

In conclusione, il calcolo mentale rappresenta una competenza fondamentale per lo sviluppo delle abilità matematiche e del pensiero critico negli studenti. Partecipare a corsi e webinar dedicati può fare la differenza nel percorso educativo, promuovendo un apprendimento inclusivo e stimolante.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)
Share your love
Redazione
Redazione
Articles: 159

One comment

  1. Questo corso sembra molto interessante e utile! Finalmente un’attenzione rivolta agli studenti con disturbi dell’apprendimento. Complimenti a Loto Montina! 🌟

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *