La prima fiera di arte digitale ad Art Basel: cosa aspettarsi

Scopri come The Digital Art Mile rivoluziona Art Basel con installazioni NFT e opere generative di artisti internazionali.

Share your love

  • Partecipazione di Objkt.com, piattaforma leader nel collezionismo NFT.
  • Mostra "Matter & Data" curata da Kika Nicolela con sculture 3D di Monica Piloni e ritratti generati da IA di Viola Rama.
  • Nuovo lavoro generativo di Bit Operations di Jonas Lund.

Per la prima volta nella storia di Art Basel, una delle fiere d’arte più prestigiose al mondo, si terrà una fiera dedicata esclusivamente all’arte digitale. Questo evento, denominato “The Digital Art Mile”, è stato promosso da ArtMeta e ideato da Georg Bak e Roger Haas. La fiera si svolgerà in due fabbricati, Space 25 e Space 31, situati a pochi passi dalla fiera principale e da Photo Basel, fino al 16 giugno.

Tra le gallerie partecipanti, spiccano realtà come Objkt.com, una piattaforma svizzera leader nel collezionismo NFT. La curatela di Kika Nicolela presenta la mostra “Matter & Data”, in cui il corpo femminile è protagonista attraverso sculture 3D della brasiliana Monica Piloni e ritratti “post-umani” generati dall’intelligenza artificiale di Viola Rama. Inoltre, il nuovo lavoro generativo di Bit Operations di Jonas Lund e la piattaforma interdisciplinare TAEX, fondata nel 2020 da Inna Bazhenova, presentano una personale di Krista Kim sulla serie “Continuum”, una riflessione sul rapporto tra mindfulness, disconnessione e distrazione nell’iper-utilizzo della tecnologia.

L’Italia è rappresentata da Cinello, una realtà imprenditoriale fiorentina nata dall’intuizione di John Blem e Franco Losi, che mette in dialogo avanzati sistemi informatici con il patrimonio artistico italiano. Tra gli artisti esposti, non manca il collettivo multidisciplinare modenese fuse*, noto per le sue installazioni monumentali che utilizzano l’intelligenza artificiale per dare forma ai sogni.

Le Fiere in Programma Durante Art Basel 2024

Durante la settimana di Art Basel, Basilea si trasforma nell’epicentro mondiale dell’arte contemporanea, con un ricco palinsesto di fiere e appuntamenti. Oltre alla fiera principale, che si terrà dal 13 al 16 giugno con anteprime su invito l’11 e il 12, numerosi eventi si svolgeranno in città.

Tra questi, Design Miami/Basel, giunta alla sua 18esima edizione, si terrà dall’11 al 16 giugno al centro congressi di Messe Basel. La fiera, dedicata al design, ospiterà oltre 25 partecipanti, tra cui 9 gallerie al debutto. Un omaggio speciale sarà dedicato al designer Gaetano Pesce, con esposizioni curate da gallerie come Friedman Benda di New York e Pulp Galerie di Parigi.

Liste Art Fair Basel, un evento satellite di Art Basel, si svolgerà dal 10 al 16 giugno nel padiglione 1.1 di Messe Basel. Con 91 gallerie provenienti da 35 paesi, la fiera presenterà il lavoro di oltre 100 artisti, tra cui 65 solo show e 16 proposte collettive. L’Italia sarà rappresentata da gallerie come Ciaccia Levi, Clima, Martina Simeti e Fanta MLN.

VOLTA Basel, giunta alla sua 19esima edizione, tornerà nel quartiere rigenerato di Klybeck dal 10 al 16 giugno. La fiera, che riunisce 45 gallerie da 24 paesi, promuove l’arte contemporanea emergente e presenterà una nuova sezione chiamata “First”, dedicata a gallerie che partecipano per la prima volta.

Il Nuovo Corso di Art Basel

Art Basel 2024 segna l’inizio di un nuovo corso sotto la direzione di Maike Cruse, nominata nel 2023. Con una vasta esperienza nel settore delle fiere d’arte, Cruse ha lavorato precedentemente come direttrice di Gallery Weekend Berlin e Art Berlin. La sua visione per Art Basel include un maggiore coinvolgimento della scena artistica locale e un’attenzione particolare ai progetti site-specific.

Quest’anno, il settore Parcours, curato da Stefanie Hessler, si svilupperà lungo Clarastrasse fino al Middle Bridge, collegando la Messeplatz con il Reno. Il concetto di Hessler per Parcours è una mostra diffusa che si snoda attraverso negozi vuoti, negozi operativi, un hotel, un ristorante, un birrificio e altri spazi quotidiani di Basilea. Tra i temi toccati da questa edizione del progetto Parcours ci sono la rigenerazione urbana, la globalizzazione, l’ecologia e l’identità locale.

Tra le opere in mostra, spicca il giardino portatile dell’artista austriaco Lois Weinberger, che porta la natura in un contesto urbano con l’obiettivo di attirare insetti e uccelli. Un altro progetto significativo è “Conversion Systems” di Ximena Garrido-Lecca, ambientato nella distilleria Stadtbrennerei, che esplora il rapporto tra processi artigianali e industriali.

La Rilevanza dell’Arte Digitale

L’arte digitale ha trovato un posto di rilievo nelle recenti edizioni di Art Basel, con un numero crescente di installazioni e mostre dedicate a questa forma espressiva. Durante la Miami Art Week 2023, l’arte digitale e la cryptoart hanno avuto un ruolo centrale, con eventi come il Gateway Miami, che ha celebrato la creatività e la resilienza degli artisti attraverso ornamenti floreali e motivi primaverili.

Artisti come FVCKRENDER, Osinachi e Jenni Pasanen hanno presentato opere che esplorano il rapporto tra tecnologia e creatività. FVCKRENDER, noto per il suo stile futuristico e meccanico, ha esposto il suo lavoro “BIOLOGICA”, mentre Osinachi ha esplorato l’identità storica e culturale della città spagnola di Toledo con il pezzo “Abitt: The Second Renaissance is Coming”.

La fiera Untitled Art ha visto la partecipazione di Debora Hirsch con la collezione “Plant”, che combina arte digitale e tradizionale per preservare piante quasi estinte, registrate sulla blockchain per garantire un’esistenza virtuale eterna.

I Nostri Consigli

Per chi visita Art Basel per la prima volta, consigliamo di non perdere l’opportunità di esplorare il settore Parcours, che offre un’esperienza unica di arte pubblica diffusa attraverso la città di Basilea. Questo percorso permette di scoprire opere site-specific in contesti quotidiani, offrendo una prospettiva diversa sull’arte contemporanea.

Per gli appassionati di arte digitale, The Digital Art Mile è un must. Questa sezione dedicata all’arte digitale offre una panoramica delle ultime tendenze e innovazioni nel campo della cryptoart e delle installazioni generative.

Infine, per chi è interessato a eventi collaterali, Liste Art Fair Basel e VOLTA Basel offrono una piattaforma per scoprire nuovi talenti emergenti e gallerie innovative. Questi eventi paralleli ad Art Basel arricchiscono l’esperienza complessiva, offrendo una varietà di prospettive e approcci all’arte contemporanea.

In conclusione, Art Basel 2024 promette di essere un evento imperdibile per gli amanti dell’arte, con una vasta gamma di esposizioni, installazioni e progetti che riflettono la diversità e la vitalità del panorama artistico contemporaneo. Che siate visitatori occasionali o appassionati esperti, questa edizione offre qualcosa per tutti, stimolando una riflessione personale e collettiva sul ruolo dell’arte nella società moderna.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)
Share your love
Redazione
Redazione
Articles: 174

One comment

  1. Incredibile come l’arte digitale stia finalmente ricevendo il riconoscimento che merita! Non vedo l’ora di vedere cosa presenteranno le gallerie come Objkt.com e Cinello. 💻🎨 #ArtBasel #ArteDigitale

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *